San Leo (RN) - Maggio 2015

San Leo (RN) - Maggio 2015

sabato 12 maggio 2012

"Vecchie e Nuove" conoscenze




Quale miglior occasione per rivedere “vecchie” volpi e conoscerne di “nuove” se non un girello a metà distanza delle rispettive dimore ?

Ed anche questa volta grazie all’apporto della moto che accomuna e catalizza come forse nessun’altra passione eccoci a vivere una bellissima giornata; complice il web combiniamo un incontro.

Le strade sono straconosciute ma la passione e la voglia di girare, specie profittando della nuova compagnia di Andrea ed Elisabetta da Firenze fanno sembrare tutto nuovo ed inesplorato.

Grazie alla tribù con a capo Paolo alias DF stavolta coadiuvato dalla mitica Giovanna; Romualdo e dal sottoscritto assieme a Marinella ci siamo regalati una stupenda giornata che ci ha visto transitare da San Piero in Bagno (punto di ritrovo) per Alfero, per la sommità del Monte Fumaiolo e poi Balze, Valdazze, Pieve Santo Stefano, il valico dello Spino e quindi Chiusi della Verna.

Ancora avanti, via Biforco, per Badia Prataglia e poi ancora per il paesino di Camandoli dove il sapiente Romualdo ci ha portato ad ammirare il Castagno Miraglia, longevo sicuramente oltre 300 anni (si stima siano forse dai 400 ai 500).

Incredibile l’imponenza del tronco spaccato, sembra un monolocale !!!

Ovvio che con cosi tante curve e strade bellissime anche lo stomaco ha reclamato la sua parte ed allora fermata ristoro al paese di Camandoli.

Affettati, formaggi, pasta asciutta, dolce (deliziosa la crostata di albicocche) ed infine caffè allentano, di molto, la morsa della fame.

Dopo aver fatto miglior conoscenza e scambiato 4 ed ancora 4 chiacchiere a tavola via con le nostre amate moto sù all’Eremo e poi ancora giù via Lonnano sino a Stia ed ancora sù per il Passo della Calla, splendido come sempre, con un marcato profumo di bosco inebriante.

Tante le moto incrociate, tanti i saluti mostrati e ricambiati.

La gita inizia purtroppo il suo termine a Corniolo dove salutiamo Andrea e d  Elisabetta, tramite Fiumicello e poi San Godenzo (sotto al Muraglione) rientreranno a Firenze.

Altra rullata di titoli di coda è a Santa Sofia dove salutiamo Paolo e Giovanna diretti a nord via Galeata a San Lazzaro di Savena.
Rimaniamo io Marinella e Romualdo che valichiamo il Carnaio e riprendiamo la dissestata  E45 a San Piero in Bagno per rientrare a casa.






1 commento :

  1. ...la soddisfazione di una bella giornata in moto ed in ottima compagnia. Più che una "vecchia volpe" Rumualdo é un "vecchio lupo" :)

    Bellissimo ed impressionante il castagno.
    Valter

    RispondiElimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.