San Leo (RN) - Maggio 2015

San Leo (RN) - Maggio 2015

domenica 25 marzo 2012

Alp_Tribute 2012

 

"Tutto deriva da questa emozione che scoppia dentro ogni qual volta si inserisce la chiave nel quadro, si preme lo start e via........la strada ci accoglie"  (Alp_3225)


Giro la chiave del quadro di Regina dopo essermi assicurato di aver tirato bene la frizione, la spia verde del folle compare sul cruscotto,  un istante ed il pollice destro cerca il minuscolo pulsantino rosso dell’accensione.

E’ tutto a posto Giorgio, possiamo mettere in moto; in me ormai è ben radicata la sensazione di non essere solo: possiamo partire di nuovo, ancora una volta Giorgio.

Regina non tradisce e lo stridio del motorino di avviamento ben presto lascia la scena al poderoso boxer che, con l’aria tirata, ha il tono della voce leggermente sopra le righe quasi a voler rimarcare ancora di più la sua vitalità.
Qualche secondo e la leva dello starter è spostata a metà corsa, il canto si fa più pacato e ben più godibile; i rubinetti della benzina sono ancora chiusi, li apro e mi riposiziono dritto sulla sella; ora invece il momento che riserva sempre il timore di grattare; dobbiamo inserire la prima marcia: innesto perfetto Giorgio, la spia verde del cruscotto svanisce, lasciamo adagio la frizione e la moto si avvia … sulla strada della vita.

Siamo gli ultimi  a lasciare l’Hotel, la ns. direzione è in senso opposto a tutto il resto della compagnia; davanti le moto seguono itinerari diversi verso le rispettive mete; dietro invece il ricordo fresco e luminoso di un fine settimana straordinario, una zingarata che fa bene al cuore.

Tutto in una lacrima, quella che scende copiosa sul mio viso mentre andiamo verso casa ...






Valdichiana (uscita A1) il teatro dell’appuntamento per questa nuova puntata di passione.

Tutti puntuali per il programma pomeridiano che ricalca le tue  strade Giorgio ed allora, dopo i classici saluti, via sulle colline di Lucignano e Monte San Savino proseguendo sul crinale del rilievo che conduce alla Locanda del Grillo; bosco, olivi, curve e tornanti in una alternanza da urlo; ed ancora l’ondulata campagna intorno a Castelnuovo Berarderga in direzione Taverne d’Arbia; siamo già alle porte delle Crete.

Il paradiso della natura abita qui ed il verde, in grande ascesa nei colori primaverili, sinonimo di speranza, conduce il pensiero verso la certezza di farti cosa gradita Giorgio: siamo tutti qua per te, per onorarti.

Alla piazzola ove è posta la stele a ricordo di Artemio Franchi una sosta. 

I colori sono leggermente spenti da un cielo non proprio limpido; Giorgio ha convocato tutti i suoi nuovi amici allo spettacolo che la nostra gentile e pacata andatura esibisce … percorriamo infatti la strada della vita, quella che oggi ci ha portato quì.

Asciano, Trequanda, Montisi, Castelmuzio: la crema delle crete è il nostro tragitto per raggiungere altri amici, altre storie, altre sensazioni, altri sorrisi.

L’Hotel Rosati di Querce al Pino ci accoglie con amore e sarà così per tutte 2 le giornate; un trattamento disarmante per il calore che Giorgio e Caterina (titolari della struttura) dimostrano nei ns. confronti.

Io ho organizzato l’incontro, Marinella ne hanno condiviso degli aspetti è già dal lunedì che ho sensazioni e preoccupazioni, mai come in questo caso sento la necessità di fare a modo, fare che tutto vada bene, perché sia un ricordo indimenticabile, perchè è per Giorgio.


L’Eroica, le sue strade bianche e polverose, le sue sconnessioni, i suoi panorami unici è la cornice per il Tributo a Giorgio; è l’incompiuta: come altre volte ho raccontato l’Eroica sarebbe stato il percorso di inizio anno 2011, quello che avrebbe rappresentato un appuntamento di Turismo in Moto … il ns. appuntamento era già fissato per metà Gennaio, avremmo iniziato a prendere i tempi, studiare le soste, i ristori, le fermate.

Tratta sterrata Asciano-Monte Sante Marie

Percorriamo il tracciato ognuno con le proprie sensazioni ed i visi alle fermate non nascondono certo la felicità; tutto giusto, così Giorgio avrebbe voluto.

Volpaia dalla Paola del Bar Ucci la fermata pranzo e che pranzo !!!

Ribollita con i “cavoli suoi” !!!






Via scendiamo a sud ed allora Brolio,  il leccio, Pianella, Siena, Radi, il campo da golf e Montalcino: breve sosta ristoro prima di affrontare l’ultimo tratto sterrato.

Torrenieri la nostra entrata e la ns. uscita dal percorso dell’Eroica ed all’imbrunire sfiliamo a nord  silenziosi la Valdorcia per rientrare stanchi ma felici all’aperitivo in Hotel.

Tutti alla meritata doccia; per me anche lo scarico di adrenalina che ho covato tutta la settimana; tutto era andato bene, tutti rientrati, tutti felici: quale premio migliore se non la consapevolezza di leggere la soddisfazione sul viso dei partecipanti per quello che siamo riusciti a combinare; Giorgio ma ti rendi conto che “grandi” che siamo !!!


Regina è arrivata a casa; Marinella è già rientrata in auto, è arrivato il momento di alzare la visiera e di girare al contrario la chiave del quadro.


Tutto ancora in una lacrima, è quella del bene che ti voglio Giorgio.



Oscar e Giorgio per sempre grandi Amici




Paolo e Giovanna sulla "Preferita"

Maria (Cabris) dietro Luca


Marco e Federico



2 commenti :

  1. "...la soddisfazione sul viso degli Amici per quello che siamo reiusciti a combinare; Giorgio ma ti rendi conto che "grandi" che siamo !!!..."

    Ciao Oscar,
    mi son permesso di riprendere questa frase che, per me, meglio riassume questo evento: hai detto bene, sei/siete grandi!!!

    Valter - Vicenza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Valter, è quello che viene dal cuore per una persona speciale

      Elimina

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.